News

Rimani aggiornato sulle novità del settore.

Normativa

Normativa (12)

Dieci risposte sulla fatturazione elettronica B2B

Ogni cambiamento genera un po’ di timore. Affrontarlo con consapevolezza e non subirlo è sicuramente un’opportunità per evolvere e migliorare. Ecco perché il passaggio dalla Fattura “tradizionale” (cartacea o in .pdf) alla Fattura Elettronica dev’essere un tema analizzato per tempo, effettuando le scelte più adatte alla propria azienda, alla propria professione, alla propria realtà imprenditoriale.

Ciò perché, volenti o nolenti, ci saranno cambiamenti importanti, sia nei processi, sia nell’impostazione lavorativa di alcuni uffici, soprattutto quelli dedicati alla gestione contabile e amministrativa.

Uno sforzo organizzativo ed economico che porterà, anche nel breve termine, dei benefici palesi in termini di efficienza ed efficacia dei processi, dal valore crescente in base al volume di fatture emesse o ricevute.

Ci capita, però, sempre più spesso ricevere domande su come gestire i flussi e su altri aspetti sulla Fatturazione Elettronica.

Per aiutarti a capire di cosa si tratta abbiamo predisposto 10 semplici risposte alle domande più frequenti. Attività che proseguiremo anche nelle settimane a venire per offrire il maggior quantitativo d’informazioni utili per comprendere appieno quanto questa novità non debba spaventare ma al contrario debba essere affrontata con la giusta attenzione per goderne gli aspetti positivi.

E-fattura: da subito l'obbligo di conservazione

Dal 1 Luglio parte la fatturazione elettronica per gli acquisti carburanti.

Ma chi riceve queste fatture cosa deve fare?

Il vincolo, per il cessionario o committente, di dover trattare come elettroniche le fatture ricevute dai soggetti che ricadono nell’obbligo di emissione della fattura elettronica dal 1° luglio 2018, senza la possibilità di materializzarle, come invece avviene quando la fattura elettronica è emessa dal fornitore per sua scelta, porta con sé - come prima evidente conseguenza - la necessità di effettuare la conservazione sostitutiva di tali fatture elettroniche.

Ma chi può conservare?

Qui Privacy

GDPR: il conto alla rovescia è partito. E TU SEI PRONTO?

 La forte spinta verso l’innovazione tecnologica, le nuove piattaforme web e la proliferazione di dispositivi mobili hanno generato un aumento vertiginoso dei dati personali raccolti e trattati da enti pubblici o privati, aziende e realtà non commerciali. Data la cardinalità del dato nella cosiddetta “società dell’informazione” il legislatore Europeo è intervenuto a definire ed imporre nuove regole, che troveranno piena attuazione in Italia a partire dal 25 maggio 2018.

Lotteria degli scontrini

Il primo Gennaio 2018 dovrebbe partire la lotteria degli scontrini. Ecco di cosa si tratta.

In tutti i negozi arriva un lettore simile a quelli utilizzati nelle farmacie: per ogni acquisto bisogna strisciare il codice fiscale della tessera sanitaria e lo scontrino in formato elettronico viene comunicato direttamente all'Agenzia delle Entrate. Poi per ogni tot di Euro speso, si ottiene un numero per partecipare all'estrazione, una volta al mese. I premi non sono ancora stati definiti ma si pensava ai viaggi di lusso ma solo sul territorio italiano, per far girare i soldi comunque nel nostro Paese. Questo per far spingere il cliente a chiedere sempre lo scontrino. Ma non solo! Anche per i commercianti ci sarebbe un premio: una piccola somma di denaro per il titolare del negozio che ha rilasciato lo scontrino vincente.

Ulteriore Proroga Spesometro: 16 Ottobre

Viene spostato al 16 Ottobre il termine per effettuare la comunicazione all'Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute (cosiddetto  Nuovo Spesometro) relative al I semestre 2017.

La proroga è stata necessaria in quanto sono stati  molti i disservizi che nelle ultime settimane affliggono il Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle Entrate.

Disagi Spesometro

ll caos-spesometro non ha colpito solo gli studi professionali: anche le imprese hanno dovuto fare i conti, nei giorni scorsi, con i disservizi causati dal blocco del sito internet dell’agenzia delle Entrate. Sono tantissimi i lavoratori che raccontano l’odissea dello spesometro. «Dopo lunghe giornate di lavoro e pause pranzo saltate - racconta una “impiegata disperata” - riesco a trasmettere lo spesometro martedì 26 alle ore 9.30. Il sistema dice “file preso in carico” e di seguire l’andamento dal monitoraggio. Fino alle 12.30 dello stesso giorno me lo dà in elaborazione e dal pomeriggio addirittura inesistente."

Proroga Spesometro

COMUNICATO STAMPA AGENZIA DELLE ENTRATE FISCO

Spesometro riparte domani canale web, Comunicazioni fino al 5 ottobre

Agenzia delle entrate comunica che il servizio web ‘Fatture e Corrispettivi’, temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre scorso, sarà nuovamente disponibile agli utenti entro domani, martedì 26, a valle di alcuni interventi correttivi effettuati da Sogei, che gestisce il sistema informativo dell’Anagrafe Tributaria. Il servizio web per l’invio dei dati delle fatture sarà quindi ripristinato, con l’eccezione di alcune funzionalità sulle quali sono in corso ancora interventi da parte di Sogei volti a ripristinare al più presto il servizio completo. In particolare non sono ancora attive le seguenti funzionalità: modifica dei dati fattura attraverso interfaccia web; la visualizzazione delle notifiche di esito delle sole fatture elettroniche, delle comunicazioni trimestrali IVA e quelle relative ai corrispettivi; la precompilazione dei dati all’interno della funzionalità di generazione dati fattura. Si ricorda, in proposito, che sono comunque sempre stati attivi tutti gli altri canali di trasmissione dei dati attraverso software gestionali. In considerazione dei disagi sopravvenuti, con provvedimento del direttore di Agenzia delle entrate in corso di emanazione, saranno ritenute tempestive le comunicazioni relative ai dati delle fatture presentate entro il 5 ottobre 2017. Inoltre, gli uffici dell’Agenzia, ove riscontrino obiettive difficoltà per i contribuenti, valuteranno la possibilità di non applicare le sanzioni per meri errori materiali e/o nel caso in cui l’adempimento sia stato effettuato dopo il 5 ottobre, ma entro i 15 giorni dall’originaria scadenza.

Per scaricare comunicato ufficiale potete cliccare al seguente link

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/file/Nsilib/Nsi/Agenzia/Agenzia+comunica/Comunicati+Stampa/Tutti+i+comunicati+del+2017/CS+Settembre+2017/cs+25092017+fatture+e+corrispettivi/180_Com.+st.+Spesometro+25.09.17.pdf

Proroga Scadenza Nuovo Spesometro

Iniziamo la settimana con una novità: l’Agenzia delle Entrate ha rilasciato un comunicato stampa (n. 147) con il quale ha annunciato la proroga del termine per l’invio dei dati fatture al 28/9/2017.

Nuovo Spesometro 2017

Lo Spesometro 2017 (COMUNICAZIONE DATI FATTURE)  è la novità contenuta nel decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2017 che prevede l’obbligo per i soggetti passivi IVA di trasmettere i dati delle fatture emesse e ricevute non più una volta l’anno ma ogni 3 mesi con prima scadenza 16 settembre 2017 (relativa I semestre) L’obiettivo del governo con l’introduzione del spesometro trimestrale analitico, è quello di combattere la grandissima evasione fiscale in tema IVA e di conseguenza aumentare il gettito dello Stato e dall’altro prevedere delle misure come il credito d’imposta, a favore dei contribuenti, che si vedranno aumentare i costi, visto i nuovi adempimenti delle 2 comunicazioni.

Proroga Scadenze

Dal 21 luglio 2017 al 20 agosto 2017 anche i lavoratori autonomi potranno effettuare i versamenti
delle imposte con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40 per cento. Il nuovo
termine verrà formalizzato con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) su
proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze che sarà firmato nei prossimi giorni. Il DPCM
uniformerà il trattamento tra titolari di reddito di impresa e titolari di reddito di lavoro autonomo.
In dettaglio, i versamenti interessati dalla nuova scadenza sono quelli derivanti dalla dichiarazione
dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione in materia di imposta sul valore aggiunto
di imprenditori e lavoratori autonomi.

Con un altro DPCM, in dirittura d’arrivo, viene prorogato, al 31 ottobre 2017 il termine per la
presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (modello 770) e delle dichiarazioni in
materia di imposte sui redditi e di Irap.

Etichettato sotto

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie